Campane Ultabati

Le campane Ultabati sono straordinariamente grandi, capienti tipo calderoni. Le loro pareti esterne hanno spesso due finiture superficiali contrastanti, una banda di 3 o 4 cm sotto il bordo (il collare), e l’altra sul resto della superficie. Il bordo ha una pendenza negativa liscia al tatto e un colore bronzo naturale, mentre il resto della ciotola è solitamente strutturato con evidenti battiture di martello.
A volte questa superficie inferiore è annerita o screziata e contrasta con il colletto che viene lasciato bronzo naturale. Una singola linea incisa segna il confine tra le due aree contrastanti. L’interno della vasca è spesso finemente lucidato e si presenta di un bel bronzo dorato; alcune ciotole possono avere incisi diversi cerchi concentrici decorativi che partono dal centro.

Le Ultabati sono caratterizzate dalla loro bellezza e dalla vibrante energia che emettono, grandi o piccole che siano. Come le Jambati, queste sono in grado di produrre toni favolosamente bassi di lunga durata. A differenza dalle Jambati medie, hanno pareti più sottili e tendono ad essere un po’ più ampie, questa differenza facilita una risonanza vibrazionale inferiore e di timbro che possono essere fisicamente sentite ad una notevole distanza dalla superficie della ciotola. Le loro note fondamentali vengono esaltate al meglio se la campana viene colpita con un martello imbottito o ci sia gira intorno al bordo con un bastone ricoperto in pelle. Sono ideali per riprodurre “l’OM”, il tono molto basso tanto caro ai buddisti e, con un po’ d’acqua dentro, offrono la possibilità di creare spettacolari zampilli.

Per creare una di queste campane Ultabati, ci volevano 3 o 4 artigiani altamente qualificati che lavoravano insieme e veniva utilizzato tanto metallo prezioso.
All’epoca, l’acquisto o il baratto di uno di questi oggetti era considerato un evento importante per il suo proprietario. Vecchie ciotole Ultabati possono avere la loro origine, oltre che nella zona del Tibet meridionale, anche nel Nepal orientale.
Il fatto che la maggior parte di queste campane venga trovata in buono stato di conservazione, indica quanto importanti fossero per i loro propietari e per chi le ereditava. Anche questa tipologia di campana, visto le raguardevoli dimensioni, veniva utilizzata, oltre che per cerimonie e rituali, anche per o stoccaggio del grano.